Gli effetti negativi di una scarsa igiene orale sulla salute del cane possono essere più evidenti se rapportati a quelli dell’uomo. Trascurare la cura dei denti, infatti, può esporre i cani a malattie silenti che, pur non dando sintomi immediati, si sviluppano nel tempo e possono causare anche gravi problemi per la loro salute.

Le conseguenze più comuni di una scarsa igiene orale sono la formazione di placca e tartaro, ma con il tempo si possono sviluppare batteri che possono portare a infezioni e gengiviti, fino ai casi più gravi di malattie cardiache e renali.

L’importanza della prevenzione
Attraverso un’azione preventiva che includa una corretta alimentazione e una spazzolatura quotidiana dei denti è possibile garantire al cane una buona igiene orale. L’utilizzo di alimenti secchi che contengono benefici dentali, così come di snack in grado di assecondare il naturale bisogno di masticazione del cane, favorisce la salute di denti e gengive, aiutando a prevenire la placca. Anche spazzolare i denti del cane con una certa frequenza e costanza lo aiuterà a stare meglio. Specifiche paste dentifricie, infatti, grazie agli enzimi che contengono riescono a combattere efficacemente i batteri che causano la placca e il tartaro.

Mantieni un atteggiamento positivo
Se riesci a stabilire una routine giocosa e piacevole per la spazzolatura dei denti, alla fine potrebbe perfino piacergli!
Comincia tenendo una mano attorno al muso del cane per qualche minuto ogni giorno, in modo da abituarlo a questo tipo di contatto. Tenendo chiusa la bocca con una mano, solleva la guancia con l’altra e spazzola la superficie dei denti con leggerezza per due o tre minuti. Scegli orari immediatamente successivi ai pasti e applica delicatamente il dentifricio con uno spazzolino a setole morbide, specifico per animali.

Quando interpellare il veterinario
Se noti che i bordi delle gengive del tuo cane sono rossi e infiammati o si è depositata della placca sui denti è il momento di interpellare il veterinario, per farti consigliare il trattamento più adatto. Probabilmente sarà lui stesso a rimuovere il tartaro dai denti del cane.

In seguito sarà necessario spazzolare i denti del cane in modo continuativo utilizzando specifici dentifrici per animali, almeno fino a quando le gengive non saranno più infiammate.



Profilo Utente

Facebook