Cani

INSTAURARE UN RAPPORTO DI FIDUCIA CON IL CANE O IL GATTO ATTRAVERSO LA LETTURA

Dagli Stati Uniti arrivano due bellissimi progetti, entrambi con l’obiettivo di rafforzare il rapporto tra bambini e animali domestici. Si tratta diShelter Buddies ReadingeBook Buddies, due modi per instaurare un rapporto di reciproca fiducia attraverso la lettura di una storia al cane o al gatto, da parte del bambino.

Shelter Buddies Readingè l’idea dell’organizzazione americana Human Society of Missouri rivolta a bambini tra i 6 e i 14 anni che vogliano aiutare cani abbandonati a trovare una famiglia adottiva. Come? Passando un po’ del loro tempo al ricovero per cani leggendo delle storie ai loro amici a quattro zame meno fortunati, in particolare a quelli più timorosi e spaventati.

Dopo una prima fase teorica del progetto, nella quale viene spiegato ai bambini come comprendere il linguaggio non verbale dei cani, si passa alla pratica: scegliersi un amico peloso, sedersi di fronte al suo alloggio e cominciare a leggergli una bella storia, immaginando di volerlo intrattenere e divertire, come si farebbe con un amico o un fratello. Il programma, che sta ottenendo buoni riscontri, dimostra come un semplice esercizio di lettura possa in realtà essere una chiave per influenzare positivamente l’atteggiamento dei cani più traumatizzati, insegnando loro a relazionarsi con le persone e facilitandone l’adozione.

Book Buddies arriva invece dalla Pennsylvania dove la Animal Rescue League of Berks County ha lanciato un’iniziativa di volontariato rivolta a gatti in cerca di una nuova casa. Anche in questo caso bambini dai 6 ai 13 anni leggono storie ai gatti ospiti del rifugio.

Oltre ad essere un esercizio di lettura che rende i bambini più consapevoli delle proprie abilità e li aiuta ad scacciare paure e ansie, questa modalità è “terapeutica” anche per i gatti, che sembrano essere particolarmente ricettivi e a proprio agio durante l’ascolto

ELIMINIAMO LO STRESS DAI PROBLEMI GASTROINTESTINALI DEI CANI

Gli ingredienti anti-stress,come le proteine del latte, aiutano a mitigare le reazioni del sistema nervoso: il cervello manda meno segnali “sconvolgenti” all'apparato digerente. Di conseguenza, i disturbi digestivi legati allo stress nei cani diventano meno frequenti.

Lozenzeroe i principi nutritivi altamente digeribili aiutano a dare sollievo al tratto digerente, mentre la giusta miscela di fibre normalizza il transito intestinale.

Lafibra prebioticapromuove inoltre l'equilibrio della microflora intestinale benefica, per un apparato digerente più sano.

Se un cane è stressato, per aiutarlo a sentirsi meglio rapidamente è importante affrontare la causa del problema (lo stress e gli effetti fisici che produce sull'organismo) oltre alle sue conseguenze (i disturbi digestivi). Un cane che si sente bene riesce a far fronte molto meglio allo stress e al trambusto del mondo esterno. Si innesca dunque un circolo virtuoso che migliora la salute generale del cane.

Poiché i cani di piccola taglia sono particolarmente soggetti ai disturbi legati allo stress, Prescription Diet™i/d™ Stressè formulato specificamente per i cani fino a 14 kg di peso! Chiedi al tuo veterinario se ritiene che possa essere la soluzione alimentare giusta per il tuo cane!

ALLERGIE AMBIENTALI NEI CANI

Persone, cani, gatti... ogni essere vivente puo sviluppare allergie. Non c'e molta differenza tra cio che scatena allergie nei cani e nelle persone. Proprio come noi, i cani possono soffrire di allergie ambientali, ma i sintomi con cui esse si manifestano sono diversi. Negli uomini i sintomi piu comuni di una reazione allergica sono naso che cola o intasato, starnuti e gonfiore. In genere i cani presentano invece sintomi cutanei, come ad esempio prurito in alcune aree delle zampe, del muso, delle orecchie e dell'addome. Grattandosi, possono procurarsi infezioni e perdita di pelo, effetti molto spiacevoli sia per loro che per i proprietari.

Fin qui abbiamo descritto come le allergie ambientali si presentano, ma da cosa sono scatenate? La risposta e che i cani sono sensibili agli stessi allergeni che provocano le allergie umane. Erba e pollini in primavera possono causare reazioni allergiche nei cani e anche gli acari della polvere che vivono nelle case possono provocare loro prurito e disagio. Ma i principali imputati sono le pulci, i cui morsi sono la causa piu comune e molesta di allergie nei cani. Per questo puo essere opportuno munirsi dello speciale pettine a denti stretti e ispezionare periodicamente il mantello dell'animale per controllare se ospita questi parassiti.

In ogni caso, non c'e da spaventarsi: la buona notizia e che spesso le allergie ambientali dei cani sono gestibili nel lungo termine. Terapie farmacologiche, shampoo dermatologici e un'alimentazione specifica per cani con allergie ambientali, come Hill’s™ Derm Defense™, sono tutti validi strumenti per favorire la salute della cute del tuo cane e mantenere le sue allergie ad un livello gestibile per gli anni a venire.

CAUSE COMUNI DI PROBLEMI ALLA CUTE

I disturbi cutanei sono, sfortunatamente, molto comuni. Alcune reazioni allergiche creano prurito, danneggiano o irritano la cute del tuo cane e che spesso lo inducono a grattarsi e a leccarsi eccessivamente, creandogli un disagio.

Le reazioni allergiche posso anche causare perdita di pelo ed escortazioni che potrebbero infettarsi se non curate in modo adeguato.

Ecco elencate le cause più frequenti di patologie cutanee, spesso conosciute come dermatite secondoPetMD.

Allergie ambientali

I cani a volte sviluppano un’intolleranza all’erba dei prati che produce prurito. L’umidità assorbita dalla pelle può anche causare lesioni cutanee note come “punti caldi”, particolarmenti comuni nei cani con un pelo spesso o folto. Fattori ambientali, come polvere, polline, muffe o altri allergeni dispersi nell'aria possono creare prurito al tuo cane, inducendolo a grattarsi, ferirsi e a perdere pelo. Ricordati che i cani possono sviluppare intolleranze anche ai profumi e al fumo delle sigarette.

Allergie alimentari

Le allergie alimentari sono piuttosto rare nei cani, ma quando si manifestano, la causa di solito è legata alle proteine di origine animale, che si possono trovare nel manzo, nel maiale, nell’agnello, nel pollo, nelle uova o nel pesce, o a proteine di origine vegetale, provenienti dai cereali. Il manzo, i latticini e i cereali tendono maggiormente a dare problemi ai cani. I sintomi delle allergie alimentari più comuni sono irritazione della cute ed escoriazioni, ma potrebbero anche essere problemi digestivi, come vomito o diarrea. Qualsiasi siano i sintomi è sempre meglio chiamare il tuo Veterinario se noti uno di questi disturbi.

Allergie ai parassiti

I cani possono sviluppare una reazione allergica alle punture delle pulci, che è in realtà una risposta immunitaria alla saliva delle pulci conosciuto come la dermatite parassitaria. Ciò può causare eccesso di prurito, infiammazione e perdita di pelo. Anche se le pulci sono la causa più comune di dermatite parassitaria, anche le punture di zecche possono creare reazioni simili nei cani. La causa esatta delle dermatiti da parassiti nei cani può essere difficile da individuare poichè i cani sono soggetti a reazioni cutanee che possono dipendere da una grande varietà di acari, come la Cheyletiella o Scabbia. Se il trattamento contro pulci e zecche non funziona, controlla con il tuo Veterinario se il tuo cane ha un’allergia dovuta agli acari.

Infezioni

I cani possono anche contrarre la dermatite da infezioni cutanee, causate da infezioni batteriche, fungine o micotiche. La causa più comune di infezione micotica è chiamata dermatofitosi, più comunemente conosciuta come "tigna". Un’altra causa comune è un’infezione micotica chiamata Malassezia pachydermatis, che potrebbe essere secondaria ad altri problemi di salute. Oltre ad eventuali trattamenti medici di base, anche gli antibiotici o i farmaci antifungini sono prescritti per queste forme di dermatite.

Come aiutare

La dermatite proveniente da allergia a parassiti è quella più semplice da curare. Se ritieni che la dermatite del tuo cane sia stata causata dall'allergia ai parassiti, intervieni nella tua casa e sui tuoi animali domestici per prevenire l'insorgere di pulci con prodotti specifici. Gli altri tipi di allergie e cause di irritazione sono più difficili da diagnosticare da soli. Quindi se hai già fatto un trattamento contro le pulci e il tuo cane continua a soffrire di prurito, ad avere irritazione o a perdere pelo, consulta un Veterinario per individuare la causa. Probabilmente il tuo cane dovrà fare una serie di esami del sangue, campioni del tessuto cutaneo, e altri esami per approfondire la questione. Capire la causa del prurito del tuo animale domestico potrebbe richiedere vari tentativi ed errori, ma vale la pena avere pazienza. Il Veterinario potrebbe raccomandarti un’alimentazione terapeutica per aiutare a lenire il prurito del tuo animale domestico. Una volta individuata la causa o l’allergene, rimuovilo dall’ambiente in cui vive il tuo animale domestico o cambia il cibo che mangia. Se non è possibile per qualche altro obbligo di salute, prendi in considerazione un farmaco anti-infiammatorio o una medicina raccomandata dal tuo Veterinario. Escoriazioni della cute gravi o infettate potrebbero richiedere un trattamento antibiotico. Il Veterinario può anche raccomandare shampoo speciali e risciacqui che nel frattempo danno sollievo al tuo animale domestico. Le patologie cutane possono dare agitazione al tuo amico peloso, ed è difficile vederlo soffrire. Identificare la causa e parlare con il Veterinario sono i primi passi verso la strada della ripresa e del sollievo per te e il tuo animale domestico.

CINQUE CONSIGLI SU COME ADDESTRARE IL TUO CUCCIOLO

five tips for training a puppy

Portare a casa un nuovo cucciolo è un momento emozionante per entrambi, ma richiede un grande impegno; il tuo nuovo cucciolo deve imparare a comportarsi in maniera adeguata. Mentre gli insegni come ci si comporta, considera questi consigli per addestrare il tuo cucciolo, sia che sia tu a farlo, sia che tu assuma qualcuno che ti aiuti a insegnargli le buone e le cattive maniere.

Prima di iniziare, fai una lista delle cose che vuoi che il tuo cane impari. Insegnagli i comandi base ai quali dovrà rispondere più spesso, come “seduto”, “giù”, “rotola”, “zampa”, “fermo” o “vieni qui”. Dovresti cercare di ridurre al minimo l’abbaiare e il piagnucolare del tuo cucciolo durante queste fasi. Altri comportamenti includono stare al guinzaglio, non elemosinare cibo e come evitare incidenti in casa. Una volta che hai capito cosa vuoi che il tuo migliore amico impari, puoi decidere quali consigli per addestrare il tuo cucciolo seguire.

1. La coerenza fa l’educazione

Quando prendi un nuovo cucciolo, dovresti considerare di addestrarlo a casa. È un buon modo per conoscersi l’un l’altro e aiuta a stabilire buone abitudini nella vostra nuova vita in comune. Un cane che ti rispetta (e ti riconosce) come capo famiglia sarà felice di essere addestrato, anche se gli insegni cosa non è consentito fare dentro e fuori casa. Prima di iniziare il processo di addestramento di un cucciolo, familiarizza con i diversi metodi disponibili. Assicurati di pianificare un programma di addestramento e di rispettarlo nonostante gli ostacoli e gli errori. I cani sono abitudinari, per questo motivo più sei costante con l’addestramento, più loro ti saranno riconoscenti e ti ascolterrano.

2. Dai l’esempio (e il premio)

I nuovi cuccioli sono estremamente motivati dai premi. Un programma basato sulle ricompense è un ottimo modo di incoraggiare il tuo cane a imparare e seguire i comandi. Tuttavia, è necessario essere consapevoli che troppi snacks possono causare aumento di peso, quindi assicurati di diminuirli quando tuo il cane inizia ad obbedire ai tuoi comandi verbali. Inoltre, addestrare il tuo cane con snacks non è l’unico strumento disponibile. Chi è il capo famiglia a casa tua? I cani sono animali da “branco”, attraverso l’istinto seguono il “cane alfa”. Sii il “capo branco” del tuo cane definendo e mostrando con fermezza come ti aspetti che si comporti. Utilizza elogi verbali ogni volta che risponde positivamente a un comando, al fine di rafforzare i buoni comportamenti e allo stesso tempo il vostro legame.

3. Consulta un professionista

Se non ti senti sicuro nell’addestrare il tuo cucciolo da solo, consulta uno specialista che può darti i giusti suggerimenti. Assicurati che l’educatore abbia le credenziali necessarie affinchè tu possa fidarti e che tu condivida la sua filosofia di approccio. Per esempio, alcuni educatori potrebbero non adattare il loro approccio a razze specifiche o potrebbero sembrare troppo aggressivi per il tuo gusto.

4. Partecipa a lezioni di gruppo

Un’altra opzione se non vuoi lavorare da solo con il tuo educatore è quella di iscriversi a lezioni di gruppo. Non solo tu e il tuo cane potrete imparare da un professionista, ma il tuo cane avrà la possibilità di socializzare con altri cani. Più il tuo cane sarà in grado di stare con altre persone e con altri animali, più è probabile che saprà comportarsi bene ovunque tu vada. Chiedi al tuo Veterinario o visita il tuo negozio specializzato per essere aiutato a trovare lezioni di gruppo nella tua zona.

5. Divertiti e sii paziente con il tuo cucciolo

Sia che tu decida di addestrare il tuo cane da solo o con l’aiuto di un professionista, la cosa più importante da tenere a mente è di essere paziente e positivo. Sta imparando tante cose nuove sul mondo che lo circonda, può essere difficile per lui ricordare tutto ciò che ha imparato. Di tanto in tanto permettigli di sbagliare un po'; essere calmo e incoraggiarlo durante l’apprendimento è importante tanto quanto essere decisi.

Non dimenticare di chiedere consigli sull’addestramento del tuo cucciolo ad amici, familiari e professionisti quando ne hai bisogno. L’addestramento di un nuovo cane richiede pazienza, ma dovrebbe rappresentare un momento meraviglioso in entrambe le vostre vite!

Profilo Utente

Facebook